Irrigazione minimale con Arduino

Questo e’ un progetto in divenire….non e’ già pronto….lo facciamo insieme 🙂
Ho trovato una cassetta della frutta molto simpatica e vorrei realizzare un sistema di irrigazione automatica basato su Arduino.

Lo facciamo insieme? Mi serve pure un nome…Aiutatemi

Le caratteristiche devono essere :

  • Autoalimentato, quindi pannello solare e batteria da 3,7v al litio
  • Autonomo. Quindi sceglie automaticamente quando irrigare e per quanto tempo. Serve quindi sensore di umidità del terreno e sensore di luminosità
  • Deve consumare poco….quindi abilitare funzioni di sleep e deep sleep
  • Deve avere un minimo di gestione….pensavo ad un tasto che potesse commutare 3-4 livelli di “irrigazione” del terreno.

Lista della spesa…

  • pannello solare 5v 100-200mA
  • Arduino pro mini 3,3v 8Mhz
  • display oled da 0.96″ o LCD tipo Nokia 5110 (forse oled molto più visibile al sole)
  • modulo di ricarica batteria tipo TP4056
  • modulo dc-dc da 1-2Amp
  • sensore umidità capacitivo
  • sensore luminosità per irrigare senza sole
  • batteria litio 18650 da 3,7V
  • pompa per acquari 5-12v
  • pulsanti, cavetterie ecc ecc

Ecco i link di riferimento su Amazon

Arduino Pro Mini 8Mhz 3,3V : https://amzn.to/36o1P1G
Batteria litio 3,7v 18650 : https://amzn.to/2LK2e4X
Pannello solare 5v : https://amzn.to/2WLtGFO
Regolatore di carica : https://amzn.to/2yiksaw
StepUp Converter DC-DC : https://amzn.to/2WOcU96
Pompa per Arduino : https://amzn.to/3cQ6ZpB
Sensore umidità capacitivo : https://amzn.to/2Zk8Q1W

 

Ancora e’ solo un idea…deve essere costruito, deve essere scritto il codice e deve essere messo all’opera…

….e come ho scritto prima manca il nome…..

Ecco il primo video esplicativo

 


Iniziano i lavori….
…a presto!

Aggiornamento del 20 Maggio 2020

In corso d’opera ho modificato il progetto….
abbiamo due vasi…non uno solo…quindi devo irrigare differentemente le due piante!
E come lo faccio se ho una sola pompa?
Ho pensato di usare un servocomando da modellismo per spostare il tubo nei due vasi…

In questo secondo video analizziamo il software in versione test e vediamo come funziona il tutto.

In laboratorio vediamo gli assorbimenti.
Circa 30-40mA …. con picchi di 1 Amp in fase di spunto del motore del servo comando (datato 1990).

diciamo che in 10 ore di buio abbiamo consumato 400mA…. non dovremmo quindi avere problemi visto che la batteria carica ne da circa 2000.

Buona visione per il secondo Step.


 

Ci vediamo al prossimo video 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.