ControllerRGB Killer – basta telecomandi :)

Siamo sinceri, quanti di voi hanno comprato le strisce led rgb con tanto di telecomando…e la usano sempre con uno o più colori fissi? Dai… penso tutti!
E’ bello vedere i giochi di luce che si possono fare…ma oltre al posizionamento in una vetrina per attrarre la gente…non ci vedo altri scopi.

A casa non tengo sicuramente 5 metri di led che mi mostrano in continuazione tutto l’arcobaleno o lampeggiano a ritmi psichedelici…a meno che non viviamo in una giostra 🙂

Diciamo no…ai giochi di luce. Costruiamo un controller “analogico”
Di strisce ne ho comprate un bel po … alla fine a parte un alberello di natale che trovate in questo blog…sono tutte fissate su un colore.
Devono illuminare, creare ambiente….non discoteca 🙂

Quindi pensavo….a che mi serve il telecomando? Ad accenderle a distanza…ok…ma poi? premo sempre sullo stesso colore!
Creiamo una centralina quasi “analogica” che mi consenta di regolare i colori usando dei potenziometri….e una volta trovato il colore…stia ferma li ! 🙂

Se ci pensate e’ il progetto di arduino più vecchio del mondo.

Apro google, accendo stampante 3d e saldatore….e via…iniziamo a creare.

Tutto sta nel dire ad Arduino di leggere una tensione, regolata da 3 potenziometri, in 3 ingressi analogici e “tradurla” in un segnale PWM che pilota attraverso 3 differenti transistor ogni canale della striscia led (Rosso, Verde e Blu).

RGB led strip with potentiometers

Schema classico -- fonte Forum.arduino.cc

 

Naturalmente dobbiamo adattare le tensioni in base al tipo di arduino (io ho usato un ProMini che va a 3,3V) che stiamo usando, usare transistor adeguati alla potenza necessaria e naturalmente sostituire il led con una striscia led.

Poi scriviamo due righe di codice…

Io ho usato i pin analogici 0,1 e 2 e come uscite Pwm i pin digitali 3,5 e 6.
Arduino pro mini, 1 metro di striscia led e un alimentatorino switching da 12v.

L’utilizzo pensato e’ quello di luce ambientale della postazione informatica. Non deve illuminare una stanza, ma deve creare “ambiente” e permetterci di poter usare il computer con poca luce.

Troviamo i componenti, stampiamo il contenitore e montiamo il tutto.

…ed ecco il video che ne mostra il funzionamento.




 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *