Aiutiamo il Torp a superare una calda estate

 

Vi piace la birra? Allora probabilmente conoscerete gli “spillatori” casalinghi.
Io ne ho uno della KRUPS (venduto da Heineken) chiamato TORP alimentato da fustini di birra da 2 litri. Il sistema si impegna a mantenere la nostra amata bevanda in pressione e ad una temperatura vicina ai 2°C.

Purtroppo l’estate mette a dura prova il sistema di raffreddamento…..ma noi possiamo aiutarlo 🙂

Non potendo usare i normali compressori con gas refrigerante, fanno affidamento su celle peltier e grossi dissipatori di calore. Essendo accesi 24h su 24h…il sistema deve essere silenziosissimo. Troppe cose che non vanno…la birra deve essere ghiacciata!

Si sa…d’estate il tempo e la strumentazione a disposizione per fare gli smanettoni e’ poca….ma occupando qualche minuto di ozio con materiale di recupero ho costruito un qualcosa che possa aiutare il nostro amico TORP a raggiungere più facilmente la temperatura desiderata.

Lista della spesa :

  • Un paio di alimentatori per pc non funzionati
  • Un alimentatore a 12 volt
  • Nastro adesivo…e qualche fascetta di plastica.

Dagli alimentatori ho recuperato le ventole di raffreddamento (silenziose) funzionanti a 12 volt e un interruttore per accendere e spegnere il tutto.

Ecco cosa e’ uscito…

Nulla di ingneristico…diciamo più da McGyver.

Accostato accanto al TORP e attendiamo che il pulsante rosso diventi verde.

Posizionamento ventole

…un paio di orette eeee…. BINGO!

Led verde

Temperatura raggiunta!! Il led rosso e’ diventato verde e la birra…GHIACCIATA!

 

Aggiornamento dell’anno successivo …30-07-2018

Quest’anno siamo arrivati a 37°C e questo led verde non si riusciva a vedere in nessun modo.
Decido di smontare il tutto per capire cosa posso modificare.
Nella parte inferiore con 2 viti si toglie il coperchio plastico e scopro che il tutto e’ basato su un grosso dissipatore (sotto ci sarà una cella peltier) con una ventola che dissipa (cerca di dissipare) il calore.

Per limitare il rumore la ventola e’ mooooolto lenta e con una bassa pressione statica.

Con una sola forbice e un coltello (unici attrezzi presenti in una casa al mare)…smonto…elimino la vecchia ventola…la sostituisco con una da 50 CFM (metri cubi di aria) e elimino a colpi di coltello la griglia protettiva plastica presente sul fondo.

Rimonto e accendo…

Il rumore a caldo e maggiore…ma non appena la temperatura si inizia ad abbassare i giri della ventola diminuiscono e il tutto diventa accettabile.

Risultato…nessuna ventola esterna aggiuntiva…led verde sempre presente….e birra GHIACCIATA 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *